Agiuttite che o Segnô o t’ aggiûtta

1
351

Aiutati che dio ti aiuta

Il proverbio ci ricorda che Dio aiuta le persone che si danno da fare, quelli che usano le proprie capacità nel compiere buone cose.

Nell’antichità i Nerviesi furono capaci di impegnarsi per far crescere l’agricoltura, la navigazione ed il commercio, senza pensare che tutto dovesse caderle dal cielo. Si organizzarono e lavorarono.

Non erano stupidi: sarebbe davvero troppo facile aspettarsi l’aiuto divino e fare i propri comodi. Questo proverbio è legato ad un’antica favola greca che sarà arrivata per mare nel nostro paese.
Ve la raccontiamo…

Agiuttite che o Segnô o t’ aggiûtta

O proverbio ne ricorda che o Segnô aggiûtta e gente che se dàn da fä, quelli che addeuvian e proprie capacitё in to fä de cose bonne.

In to passou i Nerviesi son riuscii a impegnâse per fä crèsce l’ agricoltûa, a navegasiӧn e o commercio, sensa pensä de aspetäse che tutto vegnisse dä o çê. Se son organizzё e han travaggiou.

No ёan miga nesci: saieva steto davei troppo façile aspetäse l’aggiutto da o çê e continuä a fa i fatti sô. Questo proverbio o l’ è legou a n’antiga foua greca ch’a saiä arrivä in to nostro paise peu mä.
Ve a contemmo

Esopo in genovese: Ercole e il carrettiere

Un carrettiere guidava il carro tirata da un cavallo, in una stradina di campagna. Improvvisamente cadono in un fosso e rimase lì senza far niente, piangendo e pregando il forte Ercole di aiutarlo. Ercole (che era un mito, un po’ come il nostro Maciste, il Bartolomeo Pagano di Sant’Ilario) gli apparve e disse: “Attaccati alle ruote e pungola il cavallo. Io ti aiuterò.”

Prega quando anche tu fai qualcosa, se no è inutile pregare.

Esopo in zeneize: Ercole e o carrattê

Un carrattê o guidava ‘na carretta tiä da ‘n cavallo, in te ‘na straddetta de campagna. Tutt’assémme càzzan in te ‘n fòsso e l’ ommo resta lì sensa fä ninte, cianzendo, criando e pregando che l’aggiutesse o forte Ercole, che lё o stimava tanto. Ercole ( ch’o l’ea un mîto, ûn pittin comme Maciste, o nostro Bertumê Pagano de Sant’ Ilaio) o se ghe mostra e u ghe dixe: “ Spuncia a carretta e sbraggia a cavallo de tiä fòrte! Mi allӧa t’aggiutiô”.

Prega quande anche tì ti fê quarcosa, âtriménti l’è proprio inutile pregâ.

Andrea Patrone e Piero Risso


1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO