Domani l’Ardita Day

1
272

Venerdì prossimo, a Nervi, si terrà l’Ardita Day, pomeriggio di attività “multisport” che avrà il suo culmine alle 18:30 con l’inaugurazione della nuova pressostruttura alla presenza delle autorità istituzionali e sportive. Una lunga e intensa estate di lavori, un sogno diventato finalmente realtà grazie soprattutto al grande entusiasmo di Mauro Molisani, da 12 anni presidente dell’Ardita Juventus 1906. Forte, infatti, è sempre stato il suo desiderio di avviare una progettualità importante, con impiantistica adeguata, per lo sviluppo delle attività sportive nel Levante cittadino.

La riqualificazione della più grande delle tre palestre del complesso polisportivo dell’Ardita, a fronte di un investimento di 250.000 euro, è stata resa possibile dall’accesso al fondo di garanzia attivato dalla Regione Liguria e gestito da Filse, dal supporto dello Sturla Pattinaggio e dall’impegno personale del presidente Molisani. Da sottolineare la preziosa collaborazione del Comune di Genova, del Municipio Levante, dei responsabili dei Parchi di Nervi e dell’architetto Francesco Rosadini,  progettista e direttore lavori.

Grazie a quest’operazione, l’Ardita può contare su un impianto con misure regolamentari per il basket dove possono allenarsi e giocare la prima squadra che milita in Serie C, la squadra Under 20 e le due Under 18 (Gold e Silver), l’Under 16 Femminile (in collaborazione con Auxilium), l’Under 14 e tutto il numeroso settore minibasket, settore che sfiora i 200 giovani praticanti ed appare in crescita sotto la guida attenta del responsabile tecnico Fulvio Chiesa e dei suoi collaboratori. Sempre sotto il pallone pressostatico, trovano collocazione anche le attività dello Sturla Pattinaggio, la società della pluricampionessa mondiale Paola Fraschini diretta da Laura Bonamico e Matteo Fraschini, con circa una trentina di atleti dagli 8 ai 20 anni.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.ilnerviese.it/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 326

1 COMMENTO

  1. La struttura é ORRENDA, deturpa il paesaggio e il vicino parco storico.
    Esteticamente inguardabile. Chi vive in zona dovrebbe chiedere i danni

LASCIA UN COMMENTO