Entroterra, “invasione” dei sentieri. A Sant’Ilario le auto bloccano il 516 che perde alcune corse

0
1493
Spiagge e passeggiate chiuse e “qui sulle alture siamo letteralmente invasi”. È questo il leitmotiv che le tante mail, giunte oggi in redazione, portano in oggetto e all’interno del testo.
I lettori che ci scrivono spiegano, come da Apparizione a Sant’Ilario – passando per Bavari, San Desiderio e Sturla -, i sentieri siano un via vai continuo di persone che con le chiusure delle strade a mare abbiano deciso di raggiungere le creuze in collina.
Il 516 bloccato a Sant’Ilario
“In questi week end, qui a Sant’Ilario, è un delirio – ci scrive Giovanni Testa – Oggi i vigili sono intervenuti per chiudere la strada Per limitare il grande afflusso di persone. Il 516 ha saltato parecchie corse e ieri pomeriggio (sabato per chi legge, ndr) si è letteralmente incastrato lungo la strada per la quantità di auto che saliva e scendeva. È una situazione insostenibile per chi cerca di rientrare a casa e, soprattutto, per chi deve andare a lavorare, dovendosi catapultare giù a piedi per evitare ritardi”.
Anche da Apparizione Carmen Fornetti scrive: “La chiusura delle strade a mare delle passeggiate ha fatto sì che tutti si riversino in collina, dove già a fatica i residenti trovano un parcheggio. I vigili devono essere chiamati e accorrere per salvare la situazione e farci uscire di casa”.
Un’altra voce arriva da Bavari: “È il terzo fine settimana che viviamo in queste condizioni di difficoltà e disagio. Così non se ne può più. Serve maggiore responsabilità e maggiori controlli”.

LASCIA UN COMMENTO