Altre esche avvelenate. Adesso la mobilitazione è “Pubblica”

0
1265

Esche. Bocconi avvelenati. I padroni e gli amanti dei cani sono in stato di allerta. Tra le aiuole dei parchi, negli angoli della Passeggiata Anita Garibaldi e ai crocevia del quartieri vere e proprie squadra di ricerca “fai da te” hanno dato il via alla caccia.

“Richiamiamo l’attenzione dei cittadini – pubblica un manifesto sulla pagina Facebook de Il Nerviese Rosanna Caprile – a verificare la presenza di eventuali persone sospette e di bocconi o spugne segnalando alle autorità tramite il numero unico di emergenza: il 112”.

Non è la prima volta che alla redazione de Il Nerviese arrivano segnalazioni, foto e richieste di pubblicazione in merito a foto di esche e bocconi avvelenati.

“È un reato – si legge sul manifesto – diffondere le cosiddette esche avvelenate è punito dalla legge con un ammenda fino a 1549,37 euro”.

Soprattutto è un gesto crudele e meschino. Anche noi de Il Nerviese abbiamo deciso di fare un appello: “Gli animali c’entrano poco. Sono i padroni a sbagliare quando il cane sporca per bisogno naturale e fisiologico. Raccogliamo le deiezioni dei nostri migliori amici e, inutile sottolinearlo, evitiamo di ingannare e uccidere poveri cuccioli che poco hanno a capire e a che fare con l’intenzione di sporcare.

LASCIA UN COMMENTO