Euroflora ai Parchi di Nervi. Italia Nostra si oppone all’idea

3
1450

NO a Euroflora nei Parchi di Nervi!

Euroflora è una splendida manifestazione floreale, mostra e mercato, richiamo per visitatori provenienti da fuori città e da fuori Italia, di cui anche molti genovesi hanno spesso goduto. Fino all’ultima edizione è stata ospitata in un grande padiglione fieristico, un ambiente ideale che però quest’anno non è disponibile. Dove farla? Serve un ambiente neutro, o meglio uno spazio ex industriale, ora dismesso, da valorizzare e riqualificare. E’ questa la strada seguita nelle migliori esperienze internazionali di fiere floreali.

Invece si parla di organizzare Euroflora in fretta e furia ai Parchi Di Nervi. Ma che cosa c’entrano i Parchi di Nervi con Euroflora? Non sono già essi stessi un ambiente meraviglioso che non ha alcun bisogno di essere abbellito da una manifestazione floreale, con i due sontuosi palazzi padronali allineati lungo la strada pubblica e il grande giardino che degrada fino alla cornice rocciosa e frastagliata sul mare?

I Parchi, formatisi durante tutto l’Ottocento e il primo Novecento in seguito a un preciso progetto paesaggistico, hanno in se stessi la propria compiuta bellezza e unicità, che non può certo essere aumentata, ma semmai messa in pericolo, dalla forzata immissione di un evento fieristico che avrebbe un violento impatto sul delicato equilibrio del contesto (basti pensare al traffico di mezzi per allestire gli stand e all’assalto del pubblico). Non è quello l’ambiente adatto per una fiera!

I Parchi di Nervi nascono all’inizio del XIX secolo: nel 1815 Gerolamo Serra acquista dai Saluzzo un palazzo con giardino, e nel 1823 Gaetano Gropallo eredita e ampia la proprietà del padre, e da questi due eventi quasi concomitanti nascono due parchi gemelli progettati da un architetto di giardini, che rimodella il terreno scegliendo e accostando diverse specie arboree in funzione degli effetti di masse e di colori, per creare la bellezza degli scorci visivi secondo la difficile concezione del giardino paesistico o all’inglese, dove nulla è casuale.

Nel 1927 le due proprietà sono acquistate dal Comune di Genova con un investimento milionario, per farne, secondo il progetto dell’assessore alle Belle Arti, un eccezionale Polo artistico-ambientale, costituito da museo e giardino.

Per quasi due secoli i Parchi di Nervi hanno costituito una straordinaria realtà artistica e paesistica, riconosciuta a livello internazionale. E ora? Vogliamo distruggere quello che è rimasto dopo la tromba d’aria per metterci dentro un Padiglione fieristico?

3 Commenti

  1. Chi sono questi pazzi che si oppongono alla ripresa di Nervi ?? I Parchi erano vanto di tutta Genova, poi colpevolmente sono stati lasciati andare. E, quasi fosse una coincidenza, la Nervi turistica è diventata un anonimo quartiere come tanti. Adesso va bene qualsiasi iniziativa, anche banale, per ridarle un pò dell’ antico splendore. E, per ignoranza, insipienza o peggio ci si oppone a una manifestazione internazionale di così alto livello e richiamo !!! Nascondendosi dietro i problemi che causerebbe, ma i problemi sono tali per essere risolti !! Sono ragionamenti fatti seduti in comodi salotti da gente “che ha già la pancia piena” e fa finta di non vedere che invece c’ è ancora chi deve o vuole rincorrere i problemi.

  2. I SOLITI QUALUNQUISTI CAPACI SOLO DI CRITICARE,DISFATTISTI PER PARTITO PRESO!
    L’IDEA DEL SINDACO È FANTASTICA !!!
    FINALMENTE UN IDEA INTELLIGENTE PER IL RILANCIO DI NERVI !!! CHE NE HA TANTO BISOGNO COMPLETAMENTE ABBANDONATA DALLE PRECEDENTI AMMINISTRAZIONI!!!

  3. Italia Nostra ???? Italia vostra …non nostra !!!
    E vorremmo riprendercela !!!
    Nervi Abbandonata per anni Troppi Anni !!!
    SIG SINDACO NERVI DEVE TORNARE AGLI ANTICHI SPLENDORI !!!
    Non ci Abbandonate come hanno fatto le Precedenti Amministrazioni capaci solo d incetta di voti A PONENTE !!!!!!!Grazie

LASCIA UN COMMENTO