“I vostri soldi non valgono le nostre vite”

0
492

“I vostri soldi non valgono le nostre vite”. E’ questo il messaggio chiaro e diretto che il comitato ligure per le autostrade ha voluto mandare a tutto il sistema della circolazione – cosiddetta – veloce. “Vogliamo pedaggi gratis”, continuano.

“Focalizzare l’attenzione delle autorità politiche locali e nazionali sulla questione delle concessioni ai privati delle infrastrutture strategiche della nostra regione – si legge nella nota – e sulla ormai inderogabile e vitale esigenza di rendere gratuito l’utilizzo della rete autostradale regionale per i cittadini genovesi e liguri che da più di un anno sono vittime di disagi e disservizi causati non solo dal drammatico crollo del Ponte Morandi e del recente cedimento del viadotto della A6 tra Savona e Altare, ma anche di restringimenti per la messa in sicurezza di numerosi altri tratti autostradali, la maggior parte per criticita’ causate da incuria e mancanze nella manutenzione da parte delle societa’ concessionarie, le quali hanno ricavato negli anni importanti profitti sulle spalle dei cittadini e dello Stato”.

Dopo le lunghe code fatte registrare ieri e quelle che vanno formandosi, via via, già dal primo pomeriggio di oggi, arrivano mail e messaggi – alla redazione – di disapprovazione e disappunto (usando diversi eufemismi).

Giovanni Toti, presidente della regione Liguria ha inviato una nota:

AUTOSTRADE, SERVONO RISPOSTE DAL GOVERNO: SUBITO UN PIANO STRAORDINARIO PER LA LIGURIA!

La situazione delle autostrade ci preoccupa, soprattutto per l’assenza di ogni risposta da parte del Mit. In questi giorni abbiamo ottenuto da Autostrade la gratuità del tratto Chiavari-Rapallo e da oggi quella sul tratto Masone-Ovada. Ma abbiamo chiesto più volte un piano straordinario, la possibilità di sederci al tavolo e che ognuno si assuma le proprie responsabilità. Risposte non ne sono mai arrivate! Non credo che la Liguria, dopo la tragedia del Ponte Morandi, dopo tutti i danni subiti da due gigantesche emergenze meteo possa farsi carico anche del prezzo di ritardi, inconcludenze e liti di questo Governo!

“Attenzione coda sa vagamente di presa per i fondelli. Oggi (ieri per chi legge, ndr) circa un’ora per percorrere la tratta da Genova Est a Recco”, ha scritto Franco Senarega, consigliere regionale, sulla propria pagina Facebook.

Di seguito la nota del Comitato ligure per le Autostrade:

“Il Comitato ligure per le autostrade, facendosi voce dei cittadini di Genova, Savona e delle altre province liguri chiede quindi la gratuità immediata delle autostrade regionali, e propone di revocare le concessioni alle società private negligenti nella gestione di questi beni pubblici fondamentali per la nostra Regione, e di conseguenza la nazionalizzazione delle stesse. Chiediamo ai cittadini genovesi e liguri di non permettere che le vittime della tragedia del Ponte Morandi siano morte invano, di non lasciare che i colpevoli restino impuniti e di appoggiare le prossime iniziative di sensibilizzazione e di protesta nei confronti di chiunque non rispetti i diritti dei nostri concittadini, dei lavoratori e degli autotrasportatori”,

LASCIA UN COMMENTO