Marinella, a marzo iniziano i lavori. Sarà operativa nella primavera del 2019

0
3514

I lucchetti scricchiolano e scattano ancora quando Igor Mendelevich, amministratore unico e principale azionista di “La Marinella 1934 Srl”, apre i cancelli che dalla passeggiata Anita Garibaldi si affacciano sul blu del mare.

“A marzo apriremo il cantiere – spiega proprio Mendelevich – e nel 2019 la Marinella tornerà ai nerviesi e al suo quartiere”.

Un investimento da due milioni di euro che riporterà la Marinella agli antichi splendori. Bar, gelateria e ristorante al piano terra. Un primo livello ospiterà l’albergo da 4 stelle con 8 camere – di cui una per disabili – tutte dotate dei massimi comfort. Al piano inferiore troverà spazio l’area SPA dotata di sala massaggi, sauna, iodoterapia, docce cromatiche, vasca idromassaggio e sala relax; nonché l’accesso diretto al mare.

“La vera innovazione del progetto – assicura l’imprenditore genovese – è la volontà di non lasciare la Marinella come una nave alla deriva ma strettamente legata al territorio. Per questo è stata pensata progettata un’importante riqualificazione delle aree pubbliche”.

Sistemazione della scala di levante che collega la passeggiata con il mare. Il ripristino dei tre bagni a fruizione pubblica (oggi in tutta la “Anita Garibaldi” non ne esiste uno) con docce insieme a una struttura amovibile in alluminio e legno per l’approdo natanti e solarium; “Con accesso pubblico e gratuito”, sottolinea Mendelevich.

L’intera struttura è agibile senza alcuna barriera architettonica. Le balconate saranno fruibili anche in inverno grazie a modernissimi sistemi di chiusura; la copertura sarà impreziosita dal posizionamento di impianti fotovoltaici e solari. “Il progetto strutturale – specifica Igor Mendelevich – è sotto la responsabilità dell’ingegnere Laura Sacchi, gli esterni e le aree esterne poi sono firmati dall’architetto Giulio Bertagna: lo stesso professionista che ha illuminato di luci colorate il ponte di Recco. Andrew Kiving, infine è l’ultimo professionista: ingegnere per gli impianti della Marinella.

Il canone ventennale prevede un costo di 32mila euro annuali per la prima decade, 64mila per i restanti dieci anni fino al 2036. Della cordata di imprenditori che hanno rilevato la Marinella dopo anni di abbandono sono, insieme allo stesso Igor Mendelevich, Paolo Fenati e Jean e La Vilardiere, noto imprenditore francese.

Ristorazione continuata e possibilità di attracco per le barche. “Abbiamo la volontà ferma di creare una rete con tutte le realtà commerciali della passeggiata – continua Igor Mendelevich – Pensiamo di creare un tavolo in cui si possa chiedere a Metropark (società che gestisce il parcheggio della stazione di Nervi, ndr) di istituire una tariffa agevolata a 1 euro. Vogliamo aiutare, chi già sta facendo salti mortali, per riportare il grande turismo nel quartiere”.

Ristorazione continuata, di alta classe “ma attenta al territorio – Mendelevich non ha dubbi – grande cura per la filiera corta e per tutti quei prodotti della nostra regione. Tornando al progetto esistono alcuni nodi da sciogliere con il demanio relativo alle difformità strutturali riscontrate e altri aspetti tecnici, tuttavia contiamo sulle disponibilità espresse dagli uffici competenti e siamo ottimisti riguardo la loro risoluzione”.

Il tramonto cala su Nervi e dalle vetrate affacciate sul mare della Marinella lo spettacolo inimitabile. “Qui saranno allestite le camere – specifica il maggior azionista Igor Mendelevich – fatemi ringraziare il sindaco Marco Bucci e il presidente di municipio Carleo. Insieme a loro ci hanno dato una mano anche il delegato Baroni e l’assessore Bertorello per la disponibilità e l’appoggio che ci hanno dato”.

LASCIA UN COMMENTO