Pallanuoto, il Quinto sfiora l’impresa

0
37

CC ORTIGIA-IREN GENOVA QUINTO 6-5
CC ORTIGIA: S. Tempesti, F. Cassia, F. Condemi, A. Condemi, F. Klikovac, F. Ferrero 3, S. Di Luciano, V. Gallo, C. Mirarchi, S. Rossi 1, S. Vidovic 1, C. Napolitano 1, F. Piccionetti. All. Piccarco
IREN GENOVA QUINTO: P. Pellegrini, N. Gambacciani, A. Di Somma, J. Gambacciani, F. Panerai 1, R. Ravina, A. Fracas, A. Nora 2, N. Figari 1, L. Bittarello, M. Gitto, M. Guidi 1, Valle. All. Del Galdo
Arbitri: Petronilli e Frauenfelder
Note: Parziali: 0-1 2-2 3-0 1-2 Usciti per limite di falli Panerai (Q) nel terzo, Guidi e Ravina (Q) nel quarto tempo. Superiortià numeriche: Ortigia 2/12 + 4 rigori e Quinto 1/8. Nel primo e terzo tempo Pellegrini (Q) para due rigori: sul risultato di 0-0 a Francesco Condemi e sul 4-3 a Rossi (O). Spettatori 200 circa

L’Iren Genova Quinto va vicino a bissare l’impresa alla “Caldarella” di Siracusa. Dopo aver battuto l’Ortigia in gara 1 6-5 ed essere stati regolati 13-7 sabato scorso alla “Marco Paganuzzi” di Albaro, i ragazzi di Jonathan Del Galdo nella “bella” dei play off per il 5° e 8° posto di serie A1, giocata nuovamente in terra siciliana, perdono di una sola lunghezza, 6-5, arrivando vicinissimi a potersi giocare il tutto per tutto ai tiri di rigore.

Partita concitata in cui partono benissimo Bittarello e compagni, che si portano sul 3-0. Poi il ritorno dei padroni di casa che, nonostante un Pellegrini in giornata di grazia (due rigori parati su quattro fischiato in favore della squadra di Piccardo) si portano sul 5-3. A quel punto tocca all’Iren Quinto rifarsi sotto, arrivare sul 5-5 e subire il gol del 6-5 a pochi secondi dalla fine in cinque contro quattro, per poi avere l’occasione, negli ultimissimi scampoli di partita, di cercare nuovamente il pareggio con una superiorità numerica che alla fine non si è neanche potuta giocare.

“Certo, gare come queste, e serie come queste, lasciano l’amaro in bocca – commenta Alessandro Nora – Abbiamo impostato bene la gara, difendendo con ordine e riuscendo a metterli in grande difficoltà, tenendo basso il punteggio come ci eravamo prefissati di fare. Sono contento che siamo riusciti a tenere testa ad una squadra come l’Ortigia sino alla fine, probabilmente avremmo anche meritato di andare ai rigori, il finale è stato molto convulso. C’è insomma tanto rammarico ma anche la soddisfazione di aver visto in acqua un grande Quinto, ora pensiamo al Salerno“.

Già, perché dietro l’angolo c’è proprio una nuova puntata dell’eterna sfida con la Rari Nantes Salerno, superata dal Telimar nell’altro play off e che ora affronterà proprio la formazione biancorossa. Gara 1 prevista sabato in Campania, gara 2 mercoledì prossimo alla “Paganuzzi” di Albaro ed eventuale bella il sabato successivo sempre a Salerno, il tutto in orari ancora da ufficializzare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here