Sabato 2 e domenica 3 luglio torna alla Foce il Palio Marinaro Genovese di San Pietro

0
53

Il Palio di San Pietro è la competizione storicamente più importante e prestigiosa sul panorama remiero cittadino e vedrà scontrarsi sul campo di regata i 7 equipaggi rionali, ormai gelosi custodi viventi dell’antica arte della voga genovese.

Questo evento è epocale non solo perché si scontreranno nuovamente, dopo anni che non si è disputata la competizione, i VERI equipaggi genovesi in una sana e sportiva lotta per l’affermazione del proprio rione, ma anche perché il tutto si svolgerà nell’ancestrale cornice originaria del Palio, ovvero nello specchio di mare antistante la Chiesa di San Pietro alla Foce, antica cappella sacra ai pescatori focesi iniziatori di questa storica regata.

Il 29 giugno Genova festeggia un Santo tradizionalmente legato al mare: il “Santo pescatore” Pietro, al quale del resto è dedicata la Chiesa che sovrasta la zona della Foce dove il torrente Bisagno raggiunge il mare.

La zona della Foce e Corso Italia accolgono la tradizionale Fiera di San Pietro, nella quale un insieme multicolore di centinaia e centinaia di bancarelle propone merci varie, oggettistica, dolciumi, curiosità e attrazioni.
La Fiera di San Pietro inizia già nel pomeriggio del sabato e prosegue poi nell’intera giornata di domenica finchè, alle ore 23.30, l’orizzonte marino davanti ai Giardini Govi in zona Foce diventa eccezionale sfondo al tradizionale e sempre più emozionante spettacolo pirotecnico.

Fino al 2015, l’area della Foce ospitava il tradizionale Palio Marinaro Genovese di San Pietro. Dal 2016, il Palio si tiene presso la Spiaggia di Sturla – Via del Tritone.

Questo Palio nacque nel 1955, proprio come la Regata delle Antiche Repubbliche Marinare italiane, prendendo spunto dalle abituali “corse “che i pescatori facevano affinchè le loro barche arrivassero prima di altre alla spiaggia e loro potessero così vendere prima di altri il pescato.

Per il Palio marinaro di San Pietro, a gareggiare nello specchio acqueo antistante i bagni San Nazaro, sono i gozzi in vetroresina dei “rioni” genovesi (Voltri, Sestri Ponente, Foce, Sturla-Vernazzola, Quinto, Nervi e S.Ilario/Capoluogo), su ognuno dei quali prendono posto quattro vogatori e un timoniere. Il campo di gara sulla distanza di 1 miglio marino è articolato in 6 giri di boa.
Con l’edizione 2009 il Palio ha recuperato anche l’emozionante “arrampicata dei mozzi”: a conclusione della gara in mare e giunti i gozzi sul bagnasciuga, il mozzo di ciascuna imbarcazione deve correre verso il “castello” del proprio rione, arrampicarsi fino alla cima e sistemarci il gagliardetto del rione d’appartenenza; per cui vincerà il Palio il rione che, col proprio mozzo, riuscirà per primo nella difficile impresa.

All’equipaggio vincitore viene consegnata come trofeo la riproduzione di un antico batacchio del portale nord del Palazzo del Principe, raffigurante Nettuno.

Ad accrescere l’attrattività dell’evento prevede una coreografia itinerante di figuranti in costume storico, evocativi di diverse epoche della Genova marinara; la coreografia è introdotta dal Gonfalone del Corteo Storico di Genova, sorretto da 3 gonfalonieri scortati da 2 armati, tutti in costume medievale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here