Passeggiata di Nervi, dopo settimane di buio torna la luce

1
463

La passeggiata di Nervi, per molte settimane, è rimasta al buio. Lampioni spenti, nerviesi e levantini a passeggio con le torce dei cellulari e segnalazioni a Il Nerviese nel Levante. L’iter giornaliero degli ultimi giorni, più o meno, è stato sempre lo stesso.

Sono stati tanti i genovesi che ci hanno scritto per segnalare il black-out totale sulla promenade nerviese: soprattutto turisti liguri in visita nel quartiere. Il problema sta nella situazione cavi disposti sotto le mattonelle, caratteristiche, dell’Anita Garibaldi.

Dopo un sondaggio con i tecnici ci era stato detto, qualche tempo fa, che l’impianto – assai vecchio – era di difficile aggiornamento. “Per sostituire tutto il percorso dell’impianto elettrico – ci hanno detto – bisognerebbe sollevare tutta la pavimentazione e, di conseguenza, sostituirla perché le piastrelline in mattone non sono riposizionabili”.

”Sarà stato il lamento del popolo Nerviese, sarà stato lo sgomento dei turisti, sarà stato il tragico silenzio di operatori commerciali, ma alla fine la luce è tornata – ci scrive Giuseppe Gentilotti, titolare dello storico negozio di elettrodomestici in via Marco Sala – Aspettiamo fra circa 8000 ore (tempo di vita di una lampadina a scarica di mercurio, ndr) cosa succederà”.

Insieme a Gentilotti, tra i primi a segnalare il problema, erano stati diversi militi della Pubblica Assistenza Nerviese.

1 COMMENTO

  1. Non so quale “tecnico” abbia rilasciato la dichiarazione riportata nell’articolo ma vorrei rilevare che la pavimentazione delle passeggiata è costituita da mattoni posti di taglio e non da “piastrelline” ragion per cui tali mattoni sono facilmente amovibili e riposizionabili, basta volerlo fare!

LASCIA UN COMMENTO