Porticciolo e burocrazia, Bucci non ci sta

0
937

“Talvolta la burocrazia viene usata per i propri comodi. Abbiamo bisogno che Ance prenda posizione e ci dia una mano: soprattutto i giovani devono dare una mano agli amministratori; se si lavora insieme, si possono fare grandi cose”. Lo dice il sindaco di Genova Marco Bucci ripreso dall’Ansa, durante il suo intervento al convegno dei giovani di Ance dal titolo “Sblocchiamo il futuro”.

Il primo cittadino spiega la sua posizione con un esempio: “Ance (Ance Genova Associazione Dei Costruttori Edili Della Prov. Di Genova, ndr) ci deve aiutare, per esempio, quando si partecipa a una gara con base d’asta cento, si fa un ribasso offrendo quaranta, ma tanto poi si sta che con varianti e compagnia si arriva a 140 o 150. Questi meccanismi ammazzano il sistema”.

Bucci entra più nel concreto, parlando di quanto sta accadendo per i lavori di riqualificazione del porticciolo di Nervi. “Dobbiamo fare un dragaggio, tutto a posto con la burocrazia, accordi quadri eccetera. Il primo aprile dovevano partire i lavori, l’azienda si presenta dopo tre settimane e non è in grado di lavorare. Con diverse pressioni iniziano a lavorare dopo 40 giorni. La burocrazia non ci consente di mandare via un’azienda che si comporta così”.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.ilnerviese.it/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 326

LASCIA UN COMMENTO