Priaruggia, il sommergibile ibrido Sciré davanti alle coste del Levante

0
4814

Qualche giorno fa, scrutando l’orizzonte, qualche levantino ha notato una – quantomeno – strana sagoma stagliarsi dalla superficie marina. Tremolante tra la foschia, attraverso la maccaia, il profilo di un sommergibile ha navigato davanti alle coste levantine in direzione di Genova.

Nessuna paura o nessun pericolo. Il sottomarino in questione era lo Scirè – scortato dalla motovedetta della Guardia Costiera – diretto ai cantieri navali per le riparazioni e le manutenzioni di rito.

Lo Scirè è uno dei due sottomarini della classe U212A – Todaro, progettati in Germania, ma costruiti in Italia da Fincantieri.

Si tratta dei sottomarini convenzionali da piccola crociera (costieri) più moderni al mondo, dotati di propulsione diesel-elettrica affiancata ad un sistema di celle a combustibile indipendente dall’ossigeno atmosferico per la generazione di energia elettrica. Questo sistema permette la navigazione subacquea continua a moderata velocità per un periodo stimato di due settimane. Inoltre l’elevata silenziosità e la particolare forma dello scafo, rendono il sottomarino poco tracciabile dai sonar e molto efficace rispetto al sistema di rilevamento SOSUS.

I nuovi sistemi di propulsione AIP (Air Independent Propulsion, ossia indipendenti dall’ossigeno atmosferico) favoriscono alcune marine (tra cui quella italiana) fortemente limitate dall’impossibilità di adottare la propulsione nucleare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here