Quarto, il 5 maggio e la partenza dimenticata

0
685

Il 5 maggio 1860, dallo scoglio di Quarto, dove ora sorge in memoria un obelisco, partirono Garibaldi e i suoi 1000, coloro che unificarono i vari regni della penisola in quello che si chiamò Regno d’Italia.

Quarto dei Mille è raramente menzionato nella storia garibaldina, o solo di sfuggita, insomma, ha perso l’efficacia della sua memoria. Non solo nella storia, ma anche nelle politiche di rigenerazione urbana o turismo esperienziale.

Quarto potrebbe essere un punto turistico di grande rilievo, se solo si fosse mai pensato di investire o progettare un itinerario, un’experience in un quartiere che potrebbe dare tutto all’ospite: piccoli negozi (anche se pochi), hotel, stazione ferroviaria, bar, pub, ristoranti, spiagge e meravigliosi tramonti mozzafiato. Nonché un luogo sacro: il Monumento all’esercito garibaldino, da dove l’Italia ha mosso il primo passo.

Inoltre è un eccellente punto di interscambio tra levante, centro e ponente, per programmare una visita intera della città.

Negli ultimi anni la situazione è degenerata: lo stabilimento balneare “i Monumento” è in disuso, occupato da abusivi, ricoperto di immondizia e pericolante.

L’ex cimitero garibaldino, che potrebbe essere sede di un museo o un parco dedicato al giorno del 5 maggio e Garibaldi, è chiuso e anch’esso abbandonato. Di fianco all’uscita alla stazione di Quarto dei Mille, la prima cosa che si vede è un’enorme costruzione di cemento armato, mentre davanti, il piazzale dove il Monumento impera, lasciato a se stesso.

Una piazza progettata – francamente – senza nessun criterio per la user experience: panchine di marmo nero: gelate ed esposte al vento pungente invernale, bollenti e senza un filo d’ombra d’estate.

Se a Roma trovassimo dei bambini a scivolare o ad arrampicarsi sul Colosseo, i loro genitori verrebbero arrestati o multati immediatamente, mentre in questa piazza tutto vale, i ciottoli dell’aiuola sono sparsi pericolosamente per tutta l’area.

Ciliegina sulla torta è poi la stele di ferro con i nomi dei mille soldati partiti, completamente arrugginita e quasi completamente compromessa.

L’ora è arrivata, dopo un anno intero di stop, di mondo fermo, per riflettere su quali investimenti vadano fatti per arte, storia, cultura e turismo, che ovviamente si riflettono anche su tutto il tessuto economico circostante, in declino da anni.

Non abbiamo bisogno di tutto e subito: anche un bimbo sa che una stele di ferro, accanto all’acqua arrugginisce. Anche un bimbo può dire: “io al sole qua non ci sto, ci sono 100 gradi”, così come anche all’elementari, i bimbi sanno che il 5 maggio 1860,Garibaldi partì dallo scoglio di Quarto per unificare l’Italia.

di Sara Giangreco

Sfruttare luoghi abbandonati, abbellirli, renderli vivibili, con attenzione a chi e come questi posti verranno usati, è il minimo indispensabile per una città che deve ripartire da qui, e cominciare a studiare progetti di marketing territoriale e turismo esperienziale duraturi e sensati a livello manutentivo.

Basterebbe cominciare a ricordare da dove siamo partiti. Intanto domani, alle 10, il municipio IX Levante omaggerà lo scoglio dei Mille con una celebrazione solenne.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here