Tutto quello che c’è da sapere sui Parchi

0
1384

Sei mesi di lavori intensi per restituire alla città i parchi di Nervi.
In anticipo di una settimana rispetto ai tempi prefissati riaprono, da sabato 8 aprile, i Parchi di Villa Serra e Villa Grimaldi, dopo i lavori di messa in sicurezza resi necessari dopo la tempesta di vento del 14 ottobre scorso.

L’inaugurazione presso la Galleria d’Arte Moderna di Nervi. Oltre all’Assessore all’Ambiente del Comune di Genova, Italo Porcile, all’Assessore Protezione Civile e Manutenzioni, Giovanni Crivello e all’Assessore del Municipio Levante, Michele Raffaelli, anche tanti cittadini e le associazioni che si occupano della salvaguardia e valorizzazione degli storici parchi.

Lo scorso 14 ottobre la tempesta di vento e acqua che si è abbattuta su Genova ha provocato ingenti danni, oltre che in città, anche ai Parchi di Nervi: 196 gli alberi caduti o danneggiati irrimediabilmente, ulteriori 15 alberi abbattuti per motivi di sicurezza, circa 13mila metri quadrati di superfici erbose danneggiate. E’ crollata una porzione del muro di contenimento di via Serra-Groppallo e sono stati danneggiati la passerella su ferrovia lato ponente, il tetto della “palestrina di Ponente” e del gazebo rustico di Parco Gropallo.
Senza contare le recinzioni divelte, le panchine danneggiate, i danni ai cestini porta-rifiuti e agli impianti di illuminazione ed irrigazione.
I lavori di rispristino sono andati avanti a ritmo serrato e oggi, sabato 8 aprile, In anticipo di una settimana rispetto ai tempi prefissati, riaprono i Parchi di Villa Serra e Villa Grimaldi.

L’inaugurazione dei rinnovati parchi di Nervi si è tenuta, questa mattina, presso la Galleria d’Arte Moderna di Nervi. Alla cerimonia erano presenti l’assessore all’Ambiente del Comune di Genova Italo Porcile e l’assessore del Municipio Levante Michele Raffaelli. Un saluto è stato portato anche dall’Assessore alla Protezione Civile e Manutenzioni del Comune di Genova, Giovanni Crivello. Insieme alle autorità, anche tanti cittadini e associazioni che si occupano della salvaguardia e valorizzazione degli storici parchi.

Una festa organizzata per restituire ai cittadini e ai tanti turisti che frequentano Nervi la possibilità di passeggiare, portare i bambini a giocare, rilassarsi all’ombra degli alberi a due passi dal mare, in questo inizio di primavera, in tempo per il “merendino” di Pasquetta.

Ma se molto è stato fatto, occorrono ancora delle rifiniture.
Il parco di Villa Gropallo necessita ancora di alcuni ultimi interventi, in particolare nella ringhiera verso la ferrovia (lavori in corso da parte di RFI) e di attecchimento dei prati: da mercoledì 5 aprile si è resa necessaria la sua temporanea chiusura, soprattutto per consentire la corretta crescita del manto erboso, ma potrebbe essere riaperto a maggio o comunque entro la fine dell’anno scolastico.
Restano ancora chiuse le aree oltre la ferrovia in Villa Grimaldi e la parte meridionale di Villa Serra, dove mancano importanti recinzioni di separazione dalla ferrovia di cui RFI dovrebbe completare il ripristino entro maggio. In queste aree continuerà la regolare manutenzione del verde per una riapertura completa auspicabile in autunno (RFI ha avviato i controlli sul cavalcavia danneggiato).

Gli accessi attualmente fruibili sono quelli di Villa Serra e Villa Grimaldi e l’accesso dalla passeggiata Anita Garibaldi in Villa Serra.

I lavori fatti…
Nei sei mesi di chiusura, AS.Ter ha eseguito importanti interventi di messa in sicurezza e ripristino, per i quali sono stati inizialmente stanziati 208mila euro (per lavori urgenti) e altri 291mila euro, per completare la messa in sicurezza e il ripristino della funzionalità di opere essenziali.

Il primo intervento è stato quello di taglio e recupero dei 141 alberi caduti su strade, ferrovia e vialetti. Oltre agli alberi caduti erano rimasti 54 alberi irrimediabilmente danneggiati, da tagliare e rimuovere. Gli alberi residui sono stati oggetto di specifici controlli (310 verifiche), tra i quali valutazioni di stabilità visive e con prove strumentali, che hanno portato all’eliminazione di ulteriori 15 alberi pericolosi.

Sono stati eseguiti oltre 200 interventi di potatura per messa in sicurezza ed eliminazione di rami danneggiati e ceppaie ribaltate; altri interventi hanno provveduto alla riforma di piante che hanno perso parte della chioma.
Tutto il materiale legnoso – oltre 1000 tonnellate – è stato raccolto, cippato e inviato a utilizzo come biomassa.

I prati sono stati ripuliti e in parte riseminati, alcuni sono ancora recintati al fine di garantire un buon attecchimento. Sono stati ripristinati molti impianti irrigui e riparate e messe in sicurezza panchine e cestoni portarifiuti danneggiati.

Tutti gli impianti elettrici di illuminazione sono stati isolati, messi a terra, e sono quindi in sicurezza.

A febbraio ASTER, in collaborazione con gli studenti dell’Istituto Agrario Marsano, ha messo a dimora nell’area sottostante l’ex campo da tennis una nuova collezione di Ibiscus; anche nelle aiuole della sottostante passeggiata Anita Garibaldi sono stati effettuati, tra febbraio e marzo, in-terventi di messa a dimora di piante succulente affidate poi alla manutenzione di un esercizio commerciale del quartiere resosi disponibile.

La bellezza del Roseto, che grazie ai lavori di restauro ultimati nel 2015 ha visto quasi raddoppiare la sua estensione, sarà messa in particolare luce da una giornata di visite guidate condotte da personale specializzato di Aster come evento collaterale alla “Notte dei Musei”, nel pomeriggio di sabato 20 maggio.

Sono ancora in corso importanti interventi sugli impianti di irrigazione: ci sono stati danni nei tubi interrati e le perdite vengono verificate aprendo i diversi settori. L’impianto dovrebbe tornare a pieno regime nel corso del prossimo mese.
Tutte le fontanelle potabili hanno un collegamento dedicato all’acquedotto e sono comunque funzionanti.

Verranno riparati alcuni tratti di pavimentazione danneggiata; a breve inizieranno i lavori di riparazione del tetto della palestrina di Villa Grimaldi, che si prevede vengano completati entro maggio/giugno. Si sta inoltre procedendo con la valutazione dell’intervento sul muro di contenimento di Via Serra Gropallo, in parte crollato ma anche danneggiato in più punti: entro agosto è previsto l’inizio dei lavori di ripristino.

RFI sta programmando il ripristino del ponticello sopra la ferrovia nella zona a Ponente del Parco Grimaldi e prevede il suo completamento entro giugno. Entro l’estate dovrebbero terminare anche i lavori di manutenzione e adeguamento igienico dei locali della caffetteria GAM, nel Parco Serra. A maggio sarà pubblicato il bando per l’affidamento del servizio di ristoro dei parchi, in modo da dare la possibilità ai visitatori di poter gustare cibo di qualità, in un luogo in sintonia con gli aspetti culturali evocati dalle collezioni d’arte dei Musei di Nervi.

A fine marzo è stato infine approvato dalla Giunta il progetto definitivo per “Interventi di completamento e perfezionamento della riqualificazione dei parchi di Nervi, per un importo complessivo di oltre 242 mila euro; non appena approvato il bilancio si potrà procedere con l’approvazione del progetto esecutivo e quindi con nuovi lavori da terminare entro dicembre 2017.

Gli interventi previsti sono: il recupero del manufatto “ex voliera”, la manutenzione delle recinzioni dell’ex campo tennis, l’impermeabilizzazione della vasca ovale di Villa Serra e la manutenzione delle cancellate in ferro.

Non all’interno dei parchi, ma comunque sempre in zona passeggiata, è l’intervento in corso di manutenzione alla copertura del “Castelluccio”, anch’essa danneggiata dal vento, che sarà ultimato entro fine aprile. È poi in corso, con scadenza il prossimo 21 aprile, la gara per la fornitura e posa di 300 metri di ringhiera per la passeggiata Anita Garibaldi, alla quale sono stati destinati circa 170 mila euro.

Tra le tante manifestazioni di “affetto” nei confronti dei Parchi di Nervi vi sono state, oltre che contributi in denaro per l’acquisto di nuovi alberi, anche offerte di aiuto pratico come quello della scuola Marsano e la donazione di fotografie che fanno parte di un lavoro personale svolto da un fotografo professionista poco prima che si abbattesse la tempesta di vento.
Verranno presto individuati gli spazi per realizzare una mostra che possa far “rivivere” l’esperienza della visita in un luogo la cui fisionomia non esisterà più, nella forma che era stata possibile documentare nelle fotografie. Un lavoro che, molto probabilmente, diventerà un catalogo da accompagnare alla mostra, grazie all’interessamento di un illustre editore genovese.

Il progetto di restauro
La previsione di spese necessarie per il solo restauro della componente paesaggistica e vegetazionale dei Parchi è di circa 500 mila euro: nel marzo 2017 sono state definite le linee guida per la progettazione dei Parchi, presentate poi nello stesso mese alla Consulta del Verde. Seguirà, entro questo mese, la pubblicazione del bando per l’affidamento del progetto di restauro.

Il bando di idee
In attesa del progetto complessivo di restauro è stata nel frattempo bandita una “Call for ideas”: sono stati individuati 7 progetti che, rispondendo al concorso di idee, hanno proposto azioni di promozione e valorizzazione del tessuto ambientale, culturale e sociale dei Parchi di Nervi.
• Progetto “Anacleto” presentato dall’Associazione Culturale Ugo: una proposta gestiona-le complessa secondo filoni di attività estese all’intero comprensorio dei parchi.
• Progetto “Maramao” presentato dall’Associazione Storie di Barche, che prevede attività didattico-divulgative e laboratorio di falegnameria/carpenteria legato alla tradizione ma-rinara.
• Progetto “Planetario: l’universo in una stanza” presentato dall’Associazione Antikyithe-ria: proposta di installazione di un planetario e svolgimento di relative attività didattico-divulgative.
• Progetto “Rivalutazione turistica e didattica dei Parchi di Nervi” presentato dall’Asso-ciazione Dafne, che propone attività didattiche, animazione e visite guidate.
• Progetto “Contact Improvisation” presentato dall’Associazione Once: proposta di work-shop e performance legata ad attività di un particolare tipo di danza libera
• Progetto “Cultura del Paesaggio e Coscienza di luogo” presentato dall’Associazione Memorie & Progetti: proposta di attività culturali legate alla lettura del territorio ed alla pro-mozione del paesaggio tradizionale.
• Progetto “Raccolta di idee” presentato del Comitato Genitori della I C dell’Istituto Comprensivo di Quarto: proposta di installazioni con finalità ludico-creative per bambini.

I doverosi ringraziamenti
Non si sarebbe giunti all’inaugurazione di questa mattina senza un lavoro duro e impegnativo che non ha interessato solo i giardinieri e i tecnici di ASTer.
Il Comune di Genova ringrazia: la Società Gruppo Lisi S.C.R.L. che ha garantito il recupero del materiale legnoso a costo zero per il Comune e la Polizia Municipale del Distretto IX di Genova Nervi che ha collaborato nella difficile operazione di transito dei mezzi pesanti che hanno asportato il legname residuato dai Parchi.

I ragazzi richiedenti asilo in stage professionale, dell’Ufficio Inserimenti Lavorativi del Comune di Genova che hanno affiancato i Giardinieri di ASTer nel loro percorso formativo.

Tutte le classi dell’Istituto Marsano di Molassana e Sant’Ilario, che si sono alternate in esercitazione pratica, lavorando nei parchi seguiti dai loro professori secondo gli indirizzi dei giardinieri di ASTer.

Un sentito grazie alla sensibilità dei nostri concittadini, per aver messo a dimora un Cipresso in Villa Serra in memoria di un giovane genovese mancato la notte dello scorso capodanno e altre due donazioni sono in corso di valutazione e potranno ulteriormente aiutare la sostituzione di alberi o arricchire la collezione di succulente di recente realizzazione sempre all’interno di Villa Serra.

Gli sponsor, che si sono subito adoperati per finanziare la ricomposizione della struttura vegetale dei parchi. In particolare Genova High Tech che ha deliberato la donazione di 15 mila euro che serviranno a coprire parte dei costi previsti per la realizzazione del progetto di restauro.

E, last but not least, grazie alla GAM – Galleria d’Arte Moderna di Nervi, che ha messo a disposizione una sala del museo per lo svolgimento dell’inaugurazione, al CIV NERVI 2005 e al CIV NERVI MARE che hanno voluto contribuire alla festa per la riapertura dei parchi offrendo un piccolo rinfresco a fine conferenza stampa.

Un lavoro continuo
Per la loro natura di “esseri viventi” i Parchi hanno bisogno di cure continue. I lavori ordinari e straordinari, da parte di ASTer, continueranno al fine di garantire al più presto una completa fruizione di questo patrimonio della città.
Per questo motivo, è importante rispettare i “giovani” prati e gli alberi che stanno rivegetando.

LASCIA UN COMMENTO