Pallanuoto, il Quinto conquista il settimo posto in classifica superando il Posillipo

0
19

IREN GENOVA QUINTO-CN POSILLIPO 10-8
IREN GENOVA QUINTO: F. Massaro, N. Gambacciani 1, A. Di Somma, Villa 1, G. Molina Rios 2, R. Ravina 2, A. Fracas, A. Nora 1, N. Figari, P. Mijuskovic 1, M. Gitto 1, J. Gambacciani 1, Valle. All. Bittarello
CN POSILLIPO: L. Izzo, D. Iodice, B. Stevenson 3, T. Abramson 1, G. Mattiello, E. Aiello, A. Somma 2, J. Lanfranco 2, L. Briganti, A. Scalzone, M. Milicic, P. Saccoia, R. Spinelli. All. Brancaccio
Arbitri: Colombo e Rovida
Note: Parziali: 0-2 4-3 2-2 4-1. Superiorità Posillipo 3/8 più 3 rigori (2 trasformati, 1 parato), Quinto 4/13 più un rigore trasformato. Spettatori 200 circa. Espulsi Scalzone e Saccoia (Posillipo), rispettivamente per raggiunto limite di falli e gioco scorretto

Prima qualche attimo di commozione, con la consegna di una targa celebrativa al capitano Matteo Gitto, giunto alla sua ultima partita in biancorosso dopo sei stagioni da protagonista. Poi una gara combattuta e sempre in bilico, con la svolta decisiva impressa proprio da Gitto nel momento clou e poi sigillata da Alessandro Nora. Spettacolo alla “Marco Paganuzzi” di Albaro, dove l’Iren Genova Quinto si congeda dal suo pubblico battendo 10-8 il Circolo Nautico Posillipo nella “bella” dei play off per il 7° posto, chiudendo quindi in tale piazzamento una stagione da record.

Inizio di marca ospite, con i napoletani capaci di chiudere il primo quarto sul doppio vantaggio. Poi la lenta ripresa dei padroni di casa, che nel finale mettono la freccia.

“Siamo felici di aver confermato ai play off il nostro settimo posto – commenta il tecnico Luca Bittarello – e siamo contenti di averlo fatto contro una società importante e blasonata come il Posillipo, che stava attraversando anche un ottimo momento di forme. Per me, inoltre, è un onore confrontarmi con grandi allenatori come Roberto Brancaccio. Un abbraccio a Matteo Gitto, che sei anni fa è stato il primo a posare la nostra causa in un momento difficile. Sportivamente perdiamo un grande atleta, ma Matteo è anche un ottimo ragazzi, un bravo padre e per me è stato e sarà un grande amico, per questo spero rimanga sempre vicino alla nostra grande famiglia“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here