Un’odissea di nome Vespa

0
280

Il tempo passa inesorabile, ma la situazione legata al blocco dei mezzi nel Comune di Genova è ancora poco chiara, anche nella testa degli addetti ai lavori. Questo impasse crea una situazione spiacevole per i cittadini coinvolti, che tra auto, moto e veicoli commerciali dovrebbero essere oltre quaranta mila.

Il Vespa Club Nervi sta continuando a dialogare con assessori e consiglieri comunali per cercare di trovare una soluzione a quello che, purtroppo, è diventato anche un problema politico interno al consiglio e alla giunta.

Le ultime notizie, rigorosamente ufficiose, parlano di una ulteriore proroga del blocco a giugno, in modo da avere il tempo di preparare un intervento sull’inquinamento a più ampio respiro, quindi non “dedicato” esclusivamente ai veicoli. Qualora dovesse entrare in vigore, subirà delle modifiche importanti, perciò aspettate a pensionare le vostre amate Vespa!

Nel mese di maggio, assieme ad alcuni esponenti del consiglio comunale, associazioni di consumatori, esperti, ambientalisti e agli altri club, organizzeremo un incontro per parlare di inquinamento. Presto forniremo maggiori dettagli sull’iniziativa, che probabilmente si chiamerà RespiriAMO Genova e alla quale siete tutti invitata.

Parlando di Nervi e di Vespa, connubio ormai indissolubile, non possiamo fare a meno di ricordare che il 26 Giugno si terrà il nostro Raduno del Mare. La splendida cornice, come di consueto, sarà il Porticciolo. A seguire il corteo che porterà al ristorante “Manuelina” di Recco.

Andrea Silvestri


Condividi
Articolo precedenteBlitz alla PMD
Prossimo articoloArdita, adesso fai trentuno
Questo contributo è stato inviato da VOI!

LASCIA UN COMMENTO