“Vanni Cianin”, il presidio dei genitori e dei bimbi di Nervi

1
3871

Traffico fermo ma nessun clacson o automobilista innervosito. Uno striscione, tutto colorato, lungo l’intera carreggiata di via Donato Somma.

“Vanni Cianin, rallenta. PEDONI”. A sorreggere il lenzuolo le mamme, i papà e soprattutto tanti bimbi delle scuole nerviesi: a partire dalla Fermi per passare dall’Emile e arrivare fino alla Manfredi a Capolungo.

In piazza sono scesi loro e per dieci minuti si sono “raccomandati” con gli automobilisti chiedendo una cosa sola, semplice: “andate piano”. Lo hanno scritto e in italiano, “così nessuno può dire non ho capito”, sorride da sotto un grosso cappello di lana un piccolo alunno della Manfredi.

Si sono accordati con il passaparola e con i social network. Hanno utilizzato Facebook è WhatsApp; hanno scritto una mail alla redazione de Il Nerviese per condividere con tutti il loro intento.

“Via Donato Somma deve essere una strada sicura per fare attraversare i bambini”, ci scrive su Facebook Stefania Cortigiano (autore della foto di copertina).

Poco prima che i più piccoli entrassero in aula si sono dati appuntamento in via Donato Somma, proprio nel luogo e nel punto sciagurato in cui due giorni fa, un ragazzo di 37 anni, ha perso la vita in un incidente.

“Questo messaggio deve arrivare a tutti gli automobilisti – fanno sapere – via Donato Somma attraversa tutto il quartiere nella parte a monte ed è una strada davvero pericolosa. Ci sono buche, vie secondarie, semafori, svolte improvvise e soprattutto attraversamenti pedonali. Andate piano”.

1 COMMENTO

  1. E l’uscita di Nervi a Capoluogo???? A quando un benedetto semaforo??? Si rischia ogni volta ch si esce da Nervi per andare a Genova!!! Cosa aspettiamo, una cattiva notizia in più???

LASCIA UN COMMENTO