Ztl Nervi, ecco com’è andata l’assemblea pubblica a Quarto

0
1278

Questa sera alle 18 si è svolta, presso la Bocciofila di Quarto dei Mille, l’assemblea pubblica sulla nuova viabilità di Nervi in vigore da lunedì 18 ottobre.

All’incontro erano presenti circa un centinaio di partecipanti tra cittadini, residenti, commercianti e alcuni rappresentanti di attività pubbliche; insieme con il presidente del municipio Levante Franco Carleo, l’assessore di municipio Bogliolo e l’assessore comunale Campora.

“L’incontro di questa sera serve per illustrare il provvedimento sulla viabilità che entrerà in vigore il 18 ottobre – in sperimentazione fino a gennaio – e ascoltare le vostre proposte”. Inizia il presidente Carleo.

“Questo progetto ha una storia molto lunga. È partito a luglio 2020 dopo un’assemblea pubblica al teatro degli Emiliani, alla quale ha partecipato anche il sindaco – interviene l’assessore Campora – In quell’occasione è stato illustrato un progetto molto più ampio. Da lì si è giunti al provvedimento che partirà il prossimo 18 ottobre quando il senso di marcia verrà invertito”.

Botta e risposta tra i partecipanti.

“Il progetto partirà in via sperimentale e, proprio per questo, andremo a verificarne gli effetti durante tutto il periodo. È importante che oggi siano presenti sia i rappresentanti attività commerciali che i cittadini – continua l’assessore – Questo provvedimento è un primo step di prova, se dovesse andare bene si procederà con la realizzazione di ciò che era stato illustrato nel 2020. Fondamentale sarà la presenza della linea circolare interamente elettrica”.

Conclude Campora: “Tutti i cambiamenti comportano mutamenti nelle abitudini di alcuni ma occorre provare e verificare sul campo, valuteremo gli effetti e se sarà opportuno fare modifiche in corsa.”

Le domande si alternano alle risposte.

“Questo è un provvedimento sperimentale ed elastico, quindi modificabile. In questi tre mesi di sperimentazione ci rendiamo disponibili a organizzare incontri con tutta la cittadinanza. Alla fine di questo periodo proporremo un’assemblea conclusiva per tirare le somme” interviene l’assessore del municipio Bogliolo.

Il vice presidente del Municipio IX Bogliolo

“Durante questo anno abbiamo ascoltato le critiche di commercianti, residenti, forze di polizia e soccorsi. Ci siamo resi disponibili. Il provvedimento voleva l’aumento dei posti auto e la creazione di mobilità sostenibile: Nervi sarà primo quartiere con una mobilità quasi interamente elettrica – continua Bogliolo – Siamo disponibili e pronti ad accogliere osservazioni sulle modalità della zona disco (indicativamente dalle 8 alle 20) e della ztl (prevista dalle 6.30 alle 11.30). Per quanto riguarda il congestionamento del traffico e la sincronizzazione dei semafori metteremo dei rilevatori di transito nel quartiere per monitorare la situazione e verificare alla luce dei numeri se si potranno fare modifiche. Inoltre verranno posizionati dei display luminosi per indicare il numero di posteggi disponibili alla stazione”.

Conclude Bogliolo “In questo periodo di sperimentazione – dal 18 ottobre al 23 gennaio – saranno tollerati i transiti, dei residenti e per motivi impellenti. Nei vari incontri che organizzeremo ragioneremo tutti insieme sulla platea degli aventi diritto al pass ztl. Tutti insieme cercheremo di raccogliere osservazioni, criticità e suggerimenti.”

In chiusura sono arrivate le domande. C’è chi ha chiesto quali sono i progetti per Nervi e per quale motivo si sia deciso di non informare il quartiere se non a pochi giorni dall’inizio della zona a traffico limitato.

Giuseppe “Pepy” Criaco tra i contrari

Altro tema assai sentito è stato quello del servizio pubblico: “Ci togliete il 15 e ci dite che metterete alcune linee elettriche che andranno in coda a Capolungo e Sant’Ilario – urlano al microfono alcuni residenti – Il parcheggio della stazione va chiuso e trasformato in altro, creerà un serpentone di coda che comincerà dalla farmacia Campart e finirà a Capolungo. L’ideale sarebbe creare a Nervi una sorta di Area C come a Milano”.

Presente anche un agente della polizia locale in borghese che ha voluto spiegare come siano arrivate al comando di Quarto diverse telefonate da parte dei cittadini per richiedere permessi Ztl.

Come già accaduto anni fa quando a Nervi si era cercato di applicare il piano Winkler, anche oggi, il Comitato spontaneo per Nervi si è schierato contro lo Ztl e ha raccolto 4370 firme per dire no al progetto di Campostano.

Presente in platea anche Claudio Villa, consigliere comunale in forza al Pd: “Già nel 2020 avevo dubbi sul progetto. Dopo numerosi incontri con commercianti e cittadini ho proposto al consiglio comunale una commissione in cui discutere su questa questione. Perché non si tratta solo di Nervi. Non vedo d’accordo né commercianti né residenti, lo dimostrano le migliaia di firme arrivate in comune. Tursi non ha accolto la mia richiesta di creare una commissione ad hoc. Nessuno ha ascoltato le voci che chiedevano di sospendere questo progetto. Non si è mai visto spostare un capolinea dal centro urbano inoltre i posteggi vanno fatti fuori dal centro abitato. Creiamo dei posti di qualificazione urbana. Quanti soldi si spendono per il questa manovra? Vi chiedo, come hanno già fatto i consiglieri comunali di opposizione prima di me, di sospendere questo provvedimento e ragionarci insieme”.

Il consigliere Villa

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here